Sono Silvia, la pedagogista dalla parte delle mamme

In particolare delle mamme altamente sensibili, insoddisfatte ed esaurite

Aggiusto i loro cocci rotti e le aiuto a rinascere. Così come ho fatto con me stessa

Silvia Colombini pedagosita per mamme ipersensibili o esaurite

“Mamme altamente sensibili” e “mamme esaurite” è un binomio frequente.

Le mamme ipersensibili, infatti, percepiscono in modo più intenso fatiche ed emozioni e vanno quindi più facilmente in burnout.  Conoscersi aiuta a capire cosa fare e come stare meglio.

Le mamme altamente sensibili sono mamme consapevoli, empatiche, con competenze e aspettative altissime, MA anche un grosso problema:

LA FRAGILITA’ 

Sono donne di ceramica, che rischiano di andare in pezzi ad ogni piccolo colpo della vita, e sembrano sempre essere sull’orlo della frantumazione. 

Anche io sono una donna di ceramica e mi sono rotta. In tante occasioni e momenti della vita.
A volte, mi sono procurata solo una piccola sbeccatura, e qualche volta, ho rischiato lo sbriciolamento irreparabile.

MA QUANDO UNA NASCE  DI CERAMICA, IMPARA PRESTO ANCHE AD AGGIUSTARSI

E così ho saputo fare, ogni volta che sono caduta. Ogni volta che la gravidanza mi ha buttato a terra, che gli allattamenti si sono fatti faticosi, che la coppia ha rischiato di scoppiare. E tutte le volte che la mia sensibilità si è scontrata con la sensibilità fisica ed emotiva dei miei figli, portandomi all’esaurimento e facendomi sentire la peggior mamma del mondo!

Ogni volta ho saputo raccogliere i miei pezzi e mi sono "aggiustata"

trasformandomi in qualcosa di nuovo, ancora più bello e prezioso.

Proprio come nel KINTSUGI
Lo conosci?

LA MIA PEDAGOGIA: IL KINTSUGI DELLE MAMME

Il  kintsugi , letteralmente “riparare con l’oro”, è una pratica giapponese, che consiste nell’utilizzo di oro e argento liquido, per la riparazione di oggetti in ceramica. 

La pratica nasce dall’idea che dall’imperfezione e da una ferita, possa nascere una forma ancora maggiore di perfezione estetica e interiore.

E io ci credo fermamente! Credo nel dolore e nella fatica come strumento di rinascita, spinta al cambiamento e volontà di evoluzione.
Anche, e soprattutto, per le mamme altamente sensibili, che non ce la fa più!

COME AIUTO LE MAMME ALTAMENTE SENSIBILI E IN BURN-OUT

Io adoro sistemare, riordinare, costruire. Mi considero una bravissima esperta di “logistica familiare e domestica” (la macchina per andare in vacanza la carico io!) e come tale tento di organizzare anche la mia vita: con funzionalità, organizzazione, ordine.   

Altrimenti rischierei di rompermi ogni giorno

  • Ho così imparato a mettere insieme i pezzi di relazioni malate e ricostruirle quasi da zero
  • Ho imparato ad aggiustare ciò che è andato in pezzi e che fa male: aspettative disattese, illusioni e ideali troppo alti
  • Sono diventata esperta nel valorizzare ciò che è rimasto intatto, ricominciando, ogni volta, da me stessa
  • Ho il dono dell‘entusiasmo contagioso, che dà l spinta per continuare a camminare anche quando non ce la si fa più

QUESTO È IL MODO CON IL QUALE HO SALVATO ME STESSA
QUESTO È IL MODO CON IL QUALE POSSO AIUTARTI

Curiosa di sapere come posso renderti più serena e soddisfatta? Leggi QUI

NESSUNO SI SALVA DA SOLO

A volte serve qualcuno che ti aiuti a raccogliere i pezzi e che sappia aggiustarti con collanti d’oro e d’argento

VIENI CON ME

ti aiuterò a rimettere insieme i cocci della tua maternità 
restituendo loro una vita nuova e trovando la strada per una maternità più serena e soddisfacente 

  • Nella mia vita ho fatto tantissime cose ,perché sono una che non sa stare ferma. Chi mi conosce mi definisce un piccolo uragano e un vulcano di idee.
  • Sono entusiasta della vita e curiosa di tutto. La voglia di sapere mi assorbe completamente e quando mi butto in un progetto me lo sogno anche di notte!
  • Mi appassiono alla vita delle persone che incontro. Sono capace di profonda empatia, che è il mio pregio e, nello stesso tempo, la mia più grande fragilità: non ho filtri!

 

Ho fatto l’educatrice di asilo nido, l’educatrice nei servizi mamma bimbo, mi sono specializzata nell’area perinatale e nell’allattamento (IBCLC). Ho fondato e diretto il Melograno di Milano Sud per 5 anni e ho scelto poi la libera professione, dove ho potuto dare il meglio di me stessa. Ho frequentato due master, una miriade di corsi nel mio specifico settore, ma anche nel campo del branding e digital marketing. Lavoro con la diade mamma-bimbo da oltre 20 anni.

 

Ho tre figli, tantissime aspettative deluse e altrettante soddisfazioni.

Ho partorito in casa due volte, allattato tutti e tre (tutti con diverse difficoltà), portato in fascia e praticato il co-speleping. Sono profondamente innamorata della pedagogia Montessoriana. Ho adorato tutte queste scelte e, nello stesso tempo, le ho anche odiate.

CI SONO STATI MOMENTI IN CUI NON AVREI MAI VOLUTO AVERE DEI FIGLI
E MOMENTI IN CUI MI SONO DETTA: MENO MALE CHE HANNO ME COME MAMMA!

Già, perché l’ipersensibilità è una cosetta genetica,  con la quale bisogna fare i conti e quando, in una famiglia come la nostra,  siamo in  tanti ad essere APC e altamente sensibili… vi lascio immaginare cosa possa essere la mia, super-emotiva, quotidianità! 🙂

ps. SE VUOI SAPERE TUTTI I DETTAGLI DEL MIO PERCORSO FORMATIVO E PROFESSIONALE dai un’occhiata al mio profilo Linkedin

GLI ALTRI MEMBRI DELLA FAMILY

i miei intensissimi figli:
Samuel (2001)   Nicole (2006)    Francesco (2012)
e la mia roccia, che mi tiene ancorata alla vita senza permettere che mi perda, trascinata via dal vento di me stessa
Christian